Ischia, il Natale che non c’è ancora

Schermata 2018-11-19 alle 16.37.44

19 novembre: Natale si avvicina, ma eccezion fatta per il Comune di Forio (che comunque ha visto approvato dalla Regione il suo programma di eventi meno di una settimana fa e, di conseguenza, non potrà in ogni caso vantare grande anticipo nell’annunciarlo ai buyers turistici), anche quest’anno non si intravede lo straccio di una programmazione comune.

Al pari della Festa di Sant’Anna, evento ormai ridotto dai fasti d’un tempo alla programmazione last minute in stile matrimonio con i fichi secchi, gli appuntamenti che contano sono trattati al pari del sistema turistico locale (che non esiste), cioè… argomenti d’importanza relativa.

Intorno a noi, Salerno continua a crescere con le sue Luci d’Artista, San Gregorio Armeno è sempre più la tappa d’eccellenza europea del Natale (seconda forse solo a Rothenburg e ai mercatini tedeschi e del Trentino); e noialtri, che potremmo aggiungere al Natale anche le terme d’inverno e il piacere di immergersi in conche bollenti mitigate dall’acqua del mare (dimenticando solo per un attimo la rinomanza dei nostri stabilimenti termali pubblici e privati), ci ridurremo ancora una volta alla solita illuminazione kitsch con qualche orribile pupazzone metropolitano, al Bosco Incantato (che non mi dispiace, a dire il vero) e a quattro casarelle pressoché insignificanti disseminate lungo il centro del Paese.

Ma del resto, ‘o popolo è cuntento. Quindi, che ci danniamo a fare? Meno male che quest’anno, se Dio vuole, Natale lo passerò lontano da qui. Almeno il sangue mi si amareggia meno…

 

Share and Enjoy:

  • FriendFeed
Leggi tutto

Ben fatto, Eccellenza! Ma…

Don Gianfranco Del Neso

(il mio editoriale, pubblicato lunedì 15 ottobre su IL DISPARI, sulla vicenda di Don Gianfranco Del Neso)

Inutile dire quanto la notizia della sospensione dalle funzioni sacerdotali di Don Gianfranco Del Neso mi abbia colto in contropiede. Un fulmine a ciel sereno, specialmente considerato che egli sembrava ormai totalmente immerso negli esiti e nelle funzioni di un ministero svolto in modo più che diffusamente apprezzabile.
E’ vero! La vocazione di Gianfranco sorprese un po’ tutti, a suo tempo, forse anche la sua stessa famiglia. Il suo papà Giovan Giuseppe “il Presidente” mi onora della sua amicizia sin dai tempi dell’organizzazione della Festa della Vendemmia a Campagnano; e una sera, nel corso di una riunione nel salone di Salvatore Cuomo con gli altri amici della “Bocciofila”, ci diede questa notizia con voce commossa e senza minimamente nascondere le difficoltà di un cammino di studio teologico estremamente difficile, ma confidando che il figlio, determinatissimo in tale scelta, di certo ce l’avrebbe fatta. E fu giusto profeta!
Gianfranco mi ha sempre dato l’impressione di essere una persona pulita dentro e fuori, degno figlio di una famiglia di persone oneste e lavoratrici. Il suo sorriso genuino, le sue omelie quando, ancora diacono, si rivolgeva con affetto fraterno ai piccoli comunicandi presenti alla messa delle 12.00 alla Chiesa di San Pietro, il suo modo genuino di comunicare la parola di Dio in un linguaggio chiaro e digeribile e senza risparmiare esempi “terra terra” e qualche espressione in vernacolo, lo hanno reso presto un vero punto di riferimento per molti fedeli della sua (ormai ex) Parrocchia di Fiaiano, molti dei quali hanno trovato in lui conforto prezioso a circostanze di straordinaria gravità. Una di essi, nostra carissima amica, proprio poco fa ha confidato telefonicamente a mia moglie: “Per quello che Gianfranco ha rappresentato per me e la mia famiglia, lo avrei accettato anche da prete spostato con prole”. Ma purtroppo, anche le leggi della tanto vituperata Chiesa di Roma vanno rispettate! E sul celibato proprio non si transige.
Da persona pulita quale ha confermato essere, Gianfranco (che proprio da un mese a questa parte, più del solito, pubblicava sul suo profilo Instagram piacevoli immagini con passi del Vangelo quotidiano) non ha esitato a recarsi dal Vescovo Lagnese, manifestandogli il suo disagio per la situazione in cui è venuto a trovarsi, rendendosi conto di non poter tradire ulteriormente la sacralità del suo ruolo e l’affetto dei suoi parrocchiani. Chapeau!
Onore anche a S.E. il Vescovo d’Ischia, che ha raccolto tale disagio pur senza sottrarsi sia all’adozione di un provvedimento tanto duro quanto doveroso sia all’indifferibile necessità di comunicare tempestivamente la notizia alla comunità parrocchiale di (Don) Gianfranco, recandosi personalmente a celebrare la messa domenicale delle 11.00 in quel di Fiaiano e, successivamente, diffondendo un comunicato stampa dai toni chiari e degni di un ottimo padre di famiglia.
Questo è l’esempio che vorremmo sempre ricevere dalla Chiesa e da quella di Ischia in particolare! Ad entrambi i livelli (quello vaticano fino all’avvento di Papa Francesco e quello locale fino ad oggi), in circostanze del genere, i fedeli più assertivi (a differenza di quelli bigotti o con i paraocchi imposti dalla “setta” di turno) hanno dovuto sistematicamente lamentare l’assoluta indifferenza o mancanza di chiarezza da parte di chi era demandato a gestirle. Le vicende dei tantissimi prelati protagonisti in tutto il mondo di casi di pedofilia hanno cominciato a venire a galla solo grazie all’azione innovatrice dell’attuale Pontefice, dopo essere state sottaciute per decenni.
Io mi sento legato a quel genere di fedeli e, non a caso, ho puntato più volte il dito contro la Chiesa di Ischia guidata dal Vescovo Pietro, per il modo in cui ha scelto di porsi in due casi che, tuttora, meriterebbero maggior chiarezza: l’allontanamento dal seminario di Napoli dei gemelli Mancusi (due ragazzi nati e cresciuti sotto gli occhi di tutti noi con l’unico grande sogno di diventare sacerdoti) e la vicenda di Don Nello Pascale e Don Giovanni Trofa. Era il 10 ottobre 2015 (cfr. http://www.ildispariquotidiano.it/it/chiesa-amore-e-chiarezza/) quando scrissi un editoriale piuttosto marcato (che non fu l’unico) su questi due casi tanto unici quanto gravi e, a distanza di ben tre anni e pochi giorni, nulla è cambiato. Incontro talvolta Don Giovanni vestito di nero da prete (pur senza collarino ecclesiastico bianco) alla messa delle 19.00 al Buon Pastore, seduto sempre allo stesso posto, in fondo alla chiesa, come un fedele qualsiasi che partecipa all’Eucarestia. A volte, qui ad Ischia, scorgo anche Don Nello, sempre in abiti civili che testimoniano il suo attuale distacco fisico dal ruolo presbiteriale; meno i fratelli Mancusi, che mi risulta fino a qualche tempo fa vivessero nel Lazio, laddove –come accadde a Napoli- il loro cammino di preparazione teologica pare si fosse interrotto per “ordini dall’alto”.
Ben fatto per Gianfranco, Eccellenza, non avrebbe potuto comportarsi meglio! Ma adesso, La prego, ponga rimedio a queste due brutte storie, che proprio nel momento di grazia delle Sue Visite Pastorali nelle nostre parrocchie sarebbe un segnale di grande rispetto per tutti noi, oltre ad un autentico dono di Dio. Perché, come disse Gesù, “quando verrà lo Spirito di verità, egli vi guiderà alla verità tutta intera, perché non parlerà da sé, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annunzierà le cose future.

Share and Enjoy:

  • FriendFeed
Leggi tutto

“Quann a aùst nun stai vestùt, viern ‘nguoll t’è venùt”

Foto: Itiner s.n.c. da ProntoIschia

Foto: Itiner s.n.c. da ProntoIschia

Oggi, proprio oggi, regola vorrebbe che l’isola d’Ischia si riempia di turisti, quelli che normalmente ci piacciono meno e non solo per la loro estrazione geografica, ma perché contribuiscono alle due settimane topiche di sovraffollamento e di conseguente, selvaggia antropizzazione dei nostri 46 kmq.

Tuttavia, la situazione è chiara a tutti: finora c’è stata meno gente, ma tanta in meno! Se ne sono accorti tutti, commercianti in primis. Gli effetti del terremoto dello scorso anno, ma anche il clima di maggior serenità che è tornato ad ammantare molte delle località turistiche potenziali concorrenti, stanno tornando a ridistribuire le presenze degli amanti del mare lungo le coste europee e tra il nord Africa e il Medio Oriente.

Un vecchio detto ischitano recita così: “Quann a aùst nun stai vestùt, viern ‘nguoll t’è venùt“. La traduzione letterale di questo aforisma molto difficile da scrivere in dialetto invita ad essere previdenti nell’abbigliamento, perché da agosto all’inverno il passo è breve, ma il suo significato “commerciale” è un altro, per giunta facilmente applicabile a questo post: Ischia cercherà di accumulare un po’ di fieno in cascina in questi venti giorni che, solitamente, portano ottimi incassi a fronte di tanta fatica e di scarsa vivibilità, per affrontare al meglio gli effetti della bassa stagione. Ma un attimo dopo, se non da subito, vanno studiate e ridisegnate le strategie in modo unitario (quelle che mancano da sempre, insieme all’unità d’intenti)! Un vero e proprio atto dovuto per affrontare adeguatamente i nuovi, implacabili orientamenti del mercato turistico. Prima che sia troppo tardi, come sempre.

Buon ferragosto a tutti!

Share and Enjoy:

  • FriendFeed
Leggi tutto

Fiero, fuori dal marcio.

consiglio continental

Sono stato eletto Consigliere Comunale di minoranza, nel 2007, dopo aver svolto per quattro anni la funzione di Assessore nell’Amministrazione in cui ero stato eletto.
Ho svolto il mio compito con la correttezza e la linearità degne di un ruolo istituzionale conferito dal popolo, cercando di essere propositivo anche quando, sistematicamente, risultava inutile, ma disdegnando ogni forma di pur paventato “inciucio” che snaturasse il mandato ricevuto dalle urne.
Ho subito ritorsioni allucinanti sul piano personale, politico e professionale, di cui ancora oggi pago lo scotto, ma ho avuto le spalle forti, ho tenuto duro e ho difeso e tutelato la mia dignità di uomo, di amministratore pubblico e di professionista.
Ho terminato il mandato consiliare restando al mio posto per l’intero quinquennio, non senza difficoltà, ma con assoluta coerenza, mentre altri preferivano passare dall’altra parte della barricata dando vita al famoso caularone.
Ancora oggi, dopo sei anni, sono fiero della mia scelta di aver lasciato la politica locale. E sono convinto che anche altri, presto o tardi, capiranno che in questo sistema marcio, fortemente sostenuto dalla gente comune di un paese in agonia, non c’è spazio per le persone perbene!

Share and Enjoy:

  • FriendFeed
Leggi tutto

Nuova legge elettorale e al voto.
Cui prodest?

Schermata 2018-05-28 alle 09.32.31

Nei commenti agli eventi politici di ieri pomeriggio, ho notato con dispiacere le osservazioni di amici e conoscenti (non assimilabili alla categoria dei “leoni da tastiera” per le loro conoscenze in campo politico e giuridico e per una formazione culturale indubbiamente superiore alla media) lasciatisi sopraffare dalla passione di parte e improvvisamente ignoranti l’obiettiva realtà dei fatti.
Vedere il M5S al Governo, al di là della speranza di ridimensionarne il successo populista che da ieri, invece, continuerà a salire, avrebbe rappresentato per me una situazione realmente difficile da accettare. Tuttavia sono convinto che la posizione del Presidente Mattarella -non solo ieri, ma anche in altri frangenti delle ultime consultazioni- sia stata a tratti contraddittoria e sia culminata in una forma di ingerenza tutt’altro che dovuta.
Un Presidente della Repubblica non può dichiarare di tener conto della volontà popolare e della “richiesta di cambiamento” emersa dal voto, per poi malcelare la difesa dei soliti (e ormai insostenibili) equilibri della “Europa che conta” dietro la difesa dei risparmiatori e degli investitori.
Nel ricordare ad autorevoli, compiacenti opinionisti di caratura nazionale che anche Matteo Renzi, come sarebbe capitato a Giuseppe Conte, è stato Presidente del Consiglio dei Ministri senza essersi mai neppure seduto in Parlamento e con una competenza giuridica tutt’altro che consistente, ritengo che il voto di marzo abbia bocciato, ineluttabilmente, un certo professionismo della politica rivelatosi, nell’ultimo ventennio, tutt’altro che infallibile da destra a sinistra, chiedendo a gran voce un forse improbabile ma più che auspicabile CAMBIAMENTO. Negarlo sulla base di un veto ad un futuro Ministro che non trova conforto né nell’art. 92 della Costituzione né nell’esito delle consultazioni, con un accordo (quello tra Lega e M5S) che avrebbe garantito senz’alcun dubbio la certezza della maggioranza in Parlamento, ha rappresentato uno schiaffo alla gente comune e alla tanto invocata ma sempre più calpestata democrazia.
Adesso, ammesso che si riesca a formare un Governo d’emergenza, con Cottarelli o con chiunque altro, si cambi subito la Legge Elettorale in vista del voto in autunno, consapevoli comunque che il comportamento -a mio avviso indifendibile- di questo Presidente della Repubblica potrebbe tranquillamente ripetersi. In barba al popolo sovrano e a un Paese che di tutto avrebbe abbisognato, tranne di altri cinque mesi di vuoto istituzionale e di nuove elezioni.
(photo: antimafiaduemila.com)

Share and Enjoy:

  • FriendFeed
Leggi tutto