Fiero, fuori dal marcio.

consiglio continental

Sono stato eletto Consigliere Comunale di minoranza, nel 2007, dopo aver svolto per quattro anni la funzione di Assessore nell’Amministrazione in cui ero stato eletto.
Ho svolto il mio compito con la correttezza e la linearità degne di un ruolo istituzionale conferito dal popolo, cercando di essere propositivo anche quando, sistematicamente, risultava inutile, ma disdegnando ogni forma di pur paventato “inciucio” che snaturasse il mandato ricevuto dalle urne.
Ho subito ritorsioni allucinanti sul piano personale, politico e professionale, di cui ancora oggi pago lo scotto, ma ho avuto le spalle forti, ho tenuto duro e ho difeso e tutelato la mia dignità di uomo, di amministratore pubblico e di professionista.
Ho terminato il mandato consiliare restando al mio posto per l’intero quinquennio, non senza difficoltà, ma con assoluta coerenza, mentre altri preferivano passare dall’altra parte della barricata dando vita al famoso caularone.
Ancora oggi, dopo sei anni, sono fiero della mia scelta di aver lasciato la politica locale. E sono convinto che anche altri, presto o tardi, capiranno che in questo sistema marcio, fortemente sostenuto dalla gente comune di un paese in agonia, non c’è spazio per le persone perbene!

Share and Enjoy:
  • FriendFeed
Leggi tutto

Nuova legge elettorale e al voto.
Cui prodest?

Schermata 2018-05-28 alle 09.32.31

Nei commenti agli eventi politici di ieri pomeriggio, ho notato con dispiacere le osservazioni di amici e conoscenti (non assimilabili alla categoria dei “leoni da tastiera” per le loro conoscenze in campo politico e giuridico e per una formazione culturale indubbiamente superiore alla media) lasciatisi sopraffare dalla passione di parte e improvvisamente ignoranti l’obiettiva realtà dei fatti.
Vedere il M5S al Governo, al di là della speranza di ridimensionarne il successo populista che da ieri, invece, continuerà a salire, avrebbe rappresentato per me una situazione realmente difficile da accettare. Tuttavia sono convinto che la posizione del Presidente Mattarella -non solo ieri, ma anche in altri frangenti delle ultime consultazioni- sia stata a tratti contraddittoria e sia culminata in una forma di ingerenza tutt’altro che dovuta.
Un Presidente della Repubblica non può dichiarare di tener conto della volontà popolare e della “richiesta di cambiamento” emersa dal voto, per poi malcelare la difesa dei soliti (e ormai insostenibili) equilibri della “Europa che conta” dietro la difesa dei risparmiatori e degli investitori.
Nel ricordare ad autorevoli, compiacenti opinionisti di caratura nazionale che anche Matteo Renzi, come sarebbe capitato a Giuseppe Conte, è stato Presidente del Consiglio dei Ministri senza essersi mai neppure seduto in Parlamento e con una competenza giuridica tutt’altro che consistente, ritengo che il voto di marzo abbia bocciato, ineluttabilmente, un certo professionismo della politica rivelatosi, nell’ultimo ventennio, tutt’altro che infallibile da destra a sinistra, chiedendo a gran voce un forse improbabile ma più che auspicabile CAMBIAMENTO. Negarlo sulla base di un veto ad un futuro Ministro che non trova conforto né nell’art. 92 della Costituzione né nell’esito delle consultazioni, con un accordo (quello tra Lega e M5S) che avrebbe garantito senz’alcun dubbio la certezza della maggioranza in Parlamento, ha rappresentato uno schiaffo alla gente comune e alla tanto invocata ma sempre più calpestata democrazia.
Adesso, ammesso che si riesca a formare un Governo d’emergenza, con Cottarelli o con chiunque altro, si cambi subito la Legge Elettorale in vista del voto in autunno, consapevoli comunque che il comportamento -a mio avviso indifendibile- di questo Presidente della Repubblica potrebbe tranquillamente ripetersi. In barba al popolo sovrano e a un Paese che di tutto avrebbe abbisognato, tranne di altri cinque mesi di vuoto istituzionale e di nuove elezioni.
(photo: antimafiaduemila.com)
Share and Enjoy:
  • FriendFeed
Leggi tutto

Campionato che va, campionato che viene.

De Laurentiis e Sarri

Maurizio Sarri che s’inchina sotto la curva B, le lacrime di Christian Maggio davanti al pubblico che avrebbe voluto onorarlo come avrebbe meritato nella sua probabile “ultima” dopo dieci anni a Napoli, un campionato che finisce con una qualificazione Champions conquistata con larghissimo anticipo, ma con l’amaro in bocca di aver mancato, ancora una volta, quel maledetto obiettivo che stavolta era veramente a portata di mano, oltre a una serie di partenze più o meno certe che stravolgeranno -nel bene o nel male- gli equilibri della squadra verso la prossima stagione.

Facile andare a rispolverare i miei post di inizio campionato e di fine mercato di riparazione, per poi giungere sempre alla stessa, fatidica domanda: quest’anno che in Champions ci siamo già e non abbiamo spareggi da disputare, quanta voglia ha veramente Aurelio De Laurentiis di investire concretamente in un progetto vincente, anziché continuare a galleggiare in quell’orbita europea che garantisce un forte contributo al sanissimo bilancio della società, ma non porta certo a poter competere adeguatamente verso le vittorie finali?

Il campionato 2017-2018 è terminato con questa breve ma efficace sintesi, che ancora una volta ci porta ad un’estate di calciomercato senza particolari certezze; al pari di un futuro che, per chi conosce il modus operandi consolidato dei vertici della nostra squadra del cuore, non lascia presagire granché di diverso da quanto abbiamo già avuto modo di assaporare negli anni precedenti.

Chi vivrà vedrà, amici. Ma d’ora in avanti con i piedi ancor più saldi per terra. Perché non è questo il calcio che ci piace!

 

(photo: voce.com.ve)

Share and Enjoy:
  • FriendFeed
Leggi tutto

Buffon e la ferocia preannunciata:
di chi aver paura?

foto rigore madrid

Ho condiviso volentieri su Facebook, l’altroieri, un testo meraviglioso del blogger napoletano Maurizio Zaccone, che con grande dovizia di particolari poneva in evidenza gli enormi e precisi colpi di zappa sui piedi che Gigi Buffon si è inferto con le sue stesse parole nel dopo-partita di Real Madrid-Juventus. Uno spettacolo indecoroso, una figura a dir poco barbina, inaccettabile da un atleta del genere a fine carriera e, soprattutto, a mente fredda; inaccettabile, a differenza della comprensibilissima reazione a caldo che ne ha provocato l’espulsione, vista la tensione dopo una gara del genere, almeno quanto l’atteggiamento di quei giornalisti compiacenti che gli hanno dato inspiegabilmente ragione. Simpaticissima, invece, la battuta di Crozza: “Se tutti gli arbitri che finora hanno fischiato rigori ingiusti allo scadere a favore della Juve avessero realmente un bidone della spazzatura al posto del cuore, in Italia avremmo risolto il problema della raccolta differenziata”.

Chi mi conosce sa che in Europa io tifo Italia, pur essendo profondamente anti-juventino. Questa volta, nella gara d’andata, ho fatto un’eccezione, provato dalle inenarrabili contumelie subite ad opera dei miei tanti amici Gobbi. E dopo lo 0-3 di Torino, tutto mi sarei aspettato, tranne di poter assistere a una prova di carattere e tatticamente ineccepibile della Juventus a cui i Blancos hanno risposto con un atteggiamento di inspiegabile sufficienza che stava per costargli carissimo.

Tuttavia ho una mia opinione ben precisa sul finale di Madrid: il rigore per il Real c’era tutto e non è certo colpa dell’arbitro se Benatia ha deciso di intervenire in maniera così scomposta su Vazquez. Chiunque, e più di tutti gli stessi juventini che a certe decisioni simili sono storicamente abituati da protagonisti attivi, si fosse visto negare un penalty del genere, avrebbe pianto in cinese per i successivi dieci anni. E questo è accaduto anche a Buffon e compagni, oggi novelli sostenitori di quel VAR che tanto disprezzavano, ma che intanto hanno -finalmente anche loro- un rospo durissimo da digerire, sebbene senza alcun torto nei fatti.

Intanto, il calcio va avanti. E tutti, in particolare noi tifosi del Napoli (ma non escluderei quelli del Milan, visto che affronteranno i Gobbi nella finale di Coppa Italia di maggio), siamo sempre più curiosi di scoprire quanto e, soprattutto, in che modo, come anticipatoci dallo stesso Buffon, si manifesterà la ferocia in Italia di questa Juve ferita dal “disonore” di una così bruciante eliminazione in Champions League. Saremo tutti molto attenti, più che spaventati! Nella speranza che lo sia anche l’ufficio inchieste…

(foto: leggo.it)

 

Share and Enjoy:
  • FriendFeed
Leggi tutto

Italia ’18 ad Ischia: quando il voto locale
di locale ha ben poco.

urne

Volevate il voto di protesta? EccoVi serviti. Anche l’isola d’Ischia si accoda al resto d’Italia e del meridione in particolare, dando sfogo agli istinti più bestiali del populismo, ma soprattutto risvegliando una “voglia di voto” super sopita da lunghi anni (visto che affluenza?). Qualcuno in tivù, durante lo spoglio, ha sostenuto che “Italia ‘18 si è allineata, con la percentuale dei partecipanti al voto, alle più avanzate democrazie europee”. Credo che in tutta onestà il risultato elettorale parli chiaro: questo merito è ascrivibile non certo alla coscienza civile degli Italiani, ma solo alla comunicazione del M5S e della Lega, che seppure in modi e aree diverse hanno interpretato alla perfezione il compitino di marketing elettorale che, invece, si è rivelato più difficile del previsto per le altre forze politiche ugualmente onnipresenti. Parlare alla pancia delle persone in perfetto stile Trump 2016, facendo apparentemente propri i problemi e i dolori di un’Italia non più tanto “giovine”, è stato indubbiamente il segreto del loro successo. Certo, resta il dubbio della mancata candidatura diretta di Berlusconi, o quanto meno della sua impossibilità a porsi quale premier della coalizione di centrodestra, ma questo non impedisce ai suoi detrattori di poter sostenere che anche il tempo dell’ex Cavaliere, così come quello del giovane vecchio Renzi, sia ormai passato.
Un’analisi del voto sull’isola d’Ischia rende semplice considerare che Forza Italia, a differenza del PD, ha tenuto botta, posizionandosi alle spalle dei grillini in tutti i Comuni e, addirittura, superandoli ad Ischia e Barano al Senato. Alla Camera, invece, Severino Nappi ha svolto un ottimo lavoro, rendendo meno clamorosa la sua sconfitta rispetto alle autentiche Caporetto della maggior parte dei suoi colleghi aspiranti inquilini di Montecitorio.
Il PD, invece, ha preso botte da orbi anche dalle nostre parti. Emblematico è il dato del Comune di Ischia, dove con un’amministrazione dello stesso seme perfettamente (si fa per dire) in carica, il partito di Renzi riceve ben quattordici punti di scarto dai berlusconiani; per non parlare di altri Comuni in cui i Dem hanno raggranellato un terzo e un quarto dei voti di Forza Italia, che nonostante la totale assenza organizzativa sul territorio dimostra di conservare un elettorato che, alle elezioni politiche, continua a preferire Berlusconi tra le varie “offerte” disponibili.
Ci sono sicuramente due vincitori, qui ad Ischia, manco a farlo apposta sempre gli stessi: si chiamano Domenico De Siano e Giosi Ferrandino. Indipendentemente dalle dinamiche nazionali e dalla scarsa presenza sull’isola in queste ultime tre settimane, uno a destra e l’altro a sinistra, si vedono riconfermati nelle loro leadership; il primo, coordinatore regionale del suo partito, continuando a sedere a Palazzo Madama grazie alla pole position nel plurinominale di casa nostra e prestando grande attenzione alle dinamiche di un eventuale governo che potrebbe vederlo partecipe; il secondo, approfittando dello stesso privilegio concesso all’europarlamentare Gianni Pittella che, in questo modo, gli libererà quasi certamente –meglio tardi che mai- il posto per Strasburgo da qui alle elezioni del 2019.
Sia chiara una cosa: non c’è alcun elemento locale collegabile tra il risultato elettorale di oggi e la realtà politica ischitana! Le elezioni amministrative del Comune di Ischia del 2017, ad esempio, nonostante il traino dei candidati di lista, fornirono indicazioni totalmente diverse da parte dell’elettorato, che alle comunali ama prediligere la clientela spicciola, il piacerino e il “pusticiello” dal potente di turno alla sfrenata voglia di legalità (ma quale, poi?) e alla solita antipolitica densa di qualunquismo spicciolo dedicata stavolta al voto nazionale. Questa mia tesi sarà sicuramente suffragata, di qui a poco, dalle elezioni amministrative del Comune di Forio, dove sono più che convinto che le stesse logiche, confortate e supportate dalla certezza che il M5S non avrà alcuna rappresentanza ufficiale tra le compagini in lizza (e se pure l’avesse non se la filerebbe nessuno, perché con tutta probabilità, come nel 2008, si tratterebbe di “grillini compaesani” di comprovata inconsistenza politica e personale e, come se non bastasse, nemo propheta in patria), forniranno inequivocabile conferma di quanto la capacità reattiva e innovativa dei nostri Concittadini di essere obiettivi e coerenti, specialmente in quel versante dello scoglio, sia tuttora pari allo zero. Tutto qua (almeno per ora)!

(pubblicato su IL DISPARI del 6 marzo 2018 – foto da termometropolitico.it)

Share and Enjoy:
  • FriendFeed
Leggi tutto