Quando la misura è colma

La vittoria (stavolta inequivocabile) di Giacomo Pascale nel ballottaggio di Lacco Ameno ha sancito un dato di fatto: per i Lacchesi, la misura De Siano era colma!

Se vogliamo analizzare il percorso di questa campagna elettorale a due settimane dalla fatidica parità è decisamente inutile avventurarci in questo o quel volo pindarico: lo stare pochi voti sopra, poi sotto e poi pari, ha fornito a tutti una chiave di lettura inequivocabile: Domenico non era più imbattibile. E poiché il senso di questa competizione non era tanto Domenico contro Giacomo, bensì il Paese contro o a favore di Domenico, ecco scatenarsi ulteriori quattordici giorni in cui ha preso corpo tutta la voglia di rivalsa dell’altra parte, a cui si è aggiunta anche quella fetta di “traditori” (ben noti a De Siano, statene certi) i quali, una volta smascherati, hanno fatto proprio quel sentore popolare che il vento, stavolta, soffiava in modo diverso dal solito, rendendosi disponibili finanche a rischiare sul piano strettamente personale pur di giocare la propria fiche sul carro del potenziale vincitore e sospingerlo più che al turno precedente.

La verità, però, è che Domenico De Siano, che resta un fine politico anche se forse ancorato a schemi e convinzioni un tantino fuori dal tempo, ben sapeva di aver già perso anche se ieri avesse vinto. Lo sapeva sin da quella storica parità, quando si rese conto che le cose non funzionavano più come un tempo e che, al di là di una strategia di comunicazione più che discutibile (quell’inquietante “Andate a lavorare!” dal tono tutt’altro che rasserenante nel video pubblicato il giorno dopo il ballottaggio ne è l’emblema), la sua partita per Lacco era ormai diventata una guerra del povero contro il ricco, del buono contro il cattivo, del debole contro il potente, di Davide contro Golia.

Oggi, più che arrabbiarsi o vendicarsi, Domenico ha da riflettere. E non poco. Lo deve ai suoi, lo deve alla Di Scala, lo deve al Partito. Ma lo deve innanzitutto a sé stesso.

Leggi tutto