Valium per tutti: e il Paese “ce va pe’ssott”

La politica al “Valium” di Giosi Ferrandino ha ormai contagiato l’intero Comune di Ischia. Oggi, nell’andare a comprare un panino, la salumiera mi chiedeva: “Dottò, ma chist ann pe ll’elezion nun se sent proprio nient. Ma quanta ‘llist ce stann? Chi è u’sinnec?“. La disinformazione impera in un elettorato sempre più disorientato e pronto ancora una volta ad accodarsi al più forte, tentando di spuntare nel modo migliore i “cazzetti” propri, senza tener conto dei tantissimi inganni di un sindaco che ha messo il Paese sotto i piedi, lasciandolo sprofondare in un mare di debiti e pronto ad abbandonarlo, l’anno prossimo, in cambio di un posto in Parlamento.

Chi è responsabile di tutto ciò? Certamente gli addetti ai lavori! Tutti, chi più chi meno, hanno contribuito in modo inequivocabile ad aiutare Giosi Ferrandino, Domenico De Siano e il loro pastrocchio PD-PDL ad avere terreno sempre più fertile, giungendo ancora una volta a tredici giorni dalla presentazione delle liste senza un’alternativa chiara, forte e soprattutto ben nota all’elettorato per tentare di dire basta ai cinque, disastrosi anni dell’amministrazione uscente.

Chi è causa del suo mal, pianga sé stesso? Onestamente, non mi sento minimamente responsabile di tutto ciò: ho fatto il mio dovere per altri cinque anni, il resto è sotto gli occhi di tutti!

Leggi tutto

Adesso siano gli Ischitani a reagire!

Alea iacta est: con l’ingresso in Giunta di Luigi Mattera e Gigi Mollo, il “caularone” da oggi è ufficiale a tutti gli effetti.
Dedicare troppe parole a questo modo scellerato di interpretare la politica e, soprattutto, il mandato popolare, significherebbe legittimarne l’importanza. Di contro, però, non sarebbe giusto neppure sottacerlo acriticamente, dando modo a qualcuno di ammettere che nell’accezione scontata che “la politica è l’arte del possibile“, anche questo genere di pastrocchi possa rientrare nella normalità.
Non mi appassiona più di tanto (anche perché “nun ce vo a’zingara”) trovare una ragione plausibile perché Giovanni SorrentinoPaolo Ferrandino, Luigi Mattera, Gennaro ScottiSandro Iannotta, Gigi Mollo e Mario Amalfitano, in barba al mandato popolare ricevuto dopo una competizione CONTRO Giosi Ferrandino e compagni, oggi decidano di annullare quattro anni e mezzo di chiacchiere (perché a questo punto tali si dimostrano) per saltare impunemente dall’altra parte della barricata. Ciò che mi preoccupa, invece, è capire fino a che punto gli Elettori, la Gente comune, quella che vive sulla propria pelle il momento difficilissimo che Ischia, più dell’Italia intera, attraversa da tempo e che Giosi Ferrandino non ha  tenuto in alcun conto nell’arco del suo mandato, intenderanno mostrare il giusto sdegno verso questo genere di trasformismo che con il bene del Paese non ha alcunché da spartire, oppure continueranno a sottostare a tutto e tutti pur di non rinunciare ai piccoli piaceri del proprio orticello, lasciando che il resto vada inevitabilmente a farsi benedire.
In attesa di un’alternativa credibile e utile a ritenere che nulla è ancora perduto e non esiste alcuna vittoria scontata per questo genere di accozzaglia trasversal-clientelare, le elezioni di maggio resteranno l’ultima spiaggia per quel sussulto d’orgoglio con cui la gente di Ischia deve dimostrare di voler reagire. Diversamente, significherà che sono proprio questi gli amministratori (la minuscola è tutt’altro che casuale) che ci meritiamo.
(photo: tgischia.it)

Leggi tutto

La mia rivisitazione della lettera natalizia di Giosi Ferrandino

Come tanti altri Ischitani, ho ricevuto l’opuscolo natalizio del sindaco Giosi Ferrandino. A modo mio, ho voluto rivisitare la sua mielosa lettera riprodotta all’interno, limitandomi ad aggiungere qualche “passaggio” in grassetto che l’avrebbe resa perfetta e assolutamente veritiera, rispetto al mero politichese che ha ispirato il testo originale. Ovviamente, ho evitato di aggiungere tantissime altre cose che non hanno funzionato in questi cinque anni e che il sindaco ha ben pensato di sottacere. Da qui a maggio, ci sarà tempo e modo di porle in evidenza!

Caro Concittadino,

festeggiamo insieme il quinto Natale e ci accingiamo al termine del mandato per questa Amministrazione; cinque anni di attività intensa, di impegno quotidiano  da parte di ognuno di noi per  cercare  di ripagare il grande consenso che ci è stato accordato nella competizione elettorale del 2007. E poiché buona parte di quel consenso l’abbiamo perso strada facendo, a causa della mia nota “cazzimma” e dell’altissimo livello di litigiosità che ha avuto il sopravvento su tutto e che, in questi anni, mi ha costretto a ben cinque ritocchi (tra rimpasti e azzeramenti) della Giunta, ho ben pensato di “imbarcare” cinque degli otto consiglieri di minoranza e i loro bordermen, per poi apprestarmi al sesto rimpasto. Naturalmente, per il bene del Paese…

L’impronta  dell’attuale Amministrazione e  i segni della sua operosa attività sono  evidenti su tutto il territorio, in particolare per le opere pubbliche, che in questi anni hanno dato un volto completamente nuovo al Comune di Ischia. Non meravigliarti se non te ne sei accorto. In effetti, lo so che la nuova Piazzetta fa schifo e che la quasi totalità dei finanziamenti e dei progetti che abbiamo sviluppato non sono farina del nostro sacco ma derivano dal lavoro dell’Amministrazione Brandi. Ma siamo a cinque mesi dalle elezioni: cerca di capirmi…

I lavori realizzati, nonostante qualche inevitabile disagio di volta in volta arrecato alle zone interessate, hanno infatti restituito ai cittadini di Ischia e ai turisti che scelgono la nostra isola come meta di vacanza, un territorio accogliente, curato, pulito, sapientemente illuminato, che dal porto al borgo di Ischia Ponte incornicia scenari di incomparabile bellezza, valorizzando le nostre straordinarie risorse paesaggistiche e ambientali. Lo so bene che anche questo non è vero e che, per esempio, a ferragosto Via Acquedotto era ancora totalmente bloccata: ma visto che non mi elogia nessuno, mi elogio da solo.

Il primo importante intervento, in un momento cruciale di emergenza in tutta la Regione Campania, è stato quello dell’educazione alla raccolta differenziata, che nel tempo ha consentito la totale eliminazione dei cassonetti dalle strade, grazie ad un efficiente servizio operato dalla società Ischia Ambiente, e che ci vede oggi tra i primi comuni in Campania per i quantitativi di rifiuti differenziati smaltiti. Mi auguro, quindi, che vorrai far finta di niente che Ischia Ambiente, nel corso dei cinque anni del mio mandato, ha ampiamente superato i tre milioni e mezzo di euro di debiti di finanziamento e che, naturalmente, dovrai essere tu, in qualche modo, a pagarli.

Gli interventi di questa Amministrazione, spesso complessi quanto silenziosi, hanno toccato ogni settore, da quello sociale nel quale si è intervenuti migliorando ed ampliando i servizi alle fasce più deboli, a quello scolastico. Importanti lavori di recupero hanno interessato il patrimonio di edilizia scolastica  che versava in stato di degrado da molti anni; sono stati garantiti prima in via sperimentale e poi anche riconfermati nuovi ed importanti servizi, tra cui quello degli Scuolabus per i bambini delle Scuole Elementari e di navette per i ragazzi delle Scuole Medie. Non fa nulla se al plesso Buonocore di Ischia Ponte i banchi e le sedie sono vecchi (spesso “scardati” e pericolosi), tutt’altro che ergonomici e che ogni tanto, nelle classi, passeggia qualche topolino: la mia Amministrazione è altamente specializzata nel concetto “a’cap ‘e fierr e e’ccosce ‘e lignamme”.

La soluzione del problema delle Terme di Ischia con ampie garanzie di lavoro per il personale e il rilancio della struttura dopo la liquidazione della precedente società (aumentando però a dismisura la massa debitoria di Ischia Risorsa Mare, per poi sbolognare la “palla” ai privati), la  fruizione del Polifunzionale per le classi del Liceo Classico Scientifico Scotti-Einstein in grave emergenza da molto tempo (salvo evacuarlo alla prima pioggia più copiosa e, ovviamente, impostare una vendita irrealizzabile che porterà ad un nuovo buco da nove milioni di euro alle casse comunali),  la permuta che ha consentito la realizzazione dell’agognato parcheggio in  località sant’Alessandro dopo 40 anni di cause(su cui qualche magistrato cattivo ha pensato di indagare, vista la dubbia chiareza delle operazioni mirate alla compravendita/permuta degli immobili interessati), insieme ai lavori di riqualificazione degli impianti sportivi  primo fra tutti dello Stadio “Enzo Mazzella” (scusami se non parlo del Palazzetto dello Sport, perché non saprei come giustificare il fatto che, dopo soli due anni, nonostante la nuova copertura, si è recentemente allagato), sono solo alcuni degli esempi forse più tangibili dell’impegno profuso dall’Amministrazione per assicurare ai cittadini di Ischia soluzioni ai loro  problemi  e qualità di servizi all’altezza di  un’ importante località turistica. Tutto eseguito nella perfetta legalità e alla luce del sole, proprio come il nostro contratto per i posti per megayacht concessi a privati, o ancora per la situazione CISI/EVI e la loro interminabile e discutibile fase di liquidazione targata DI VAIA, su cui la Procura della Repubblica e la Corte dei Conti continuano ad indagare: ma non avranno nulla di meglio da fare?

Nella consapevolezza che il nostro territorio, per vocazione naturale, deve essere fruibile  non solo da chi ha avuto il privilegio di nascere a Ischia  ma anche da chi ha scelto di visitarla o di viverci,  grandissima  attenzione è  stata dedicata all’estetica cittadina, alla manutenzione delle strade, mediante interventi di fioritura e rinverdimento delle aiuole, sostituzione e valorizzazione  dell’arredo urbano, prima in tutto il centro storico (dove dinanzi all’ex Ufficio Postale, appena terminati i lavori, appena piove si crea una originale e spesso maleodorante “piscina” naturale)e poi con interventi che man mano stanno interessando anche le zone residenziali e periferiche. In questi anni è stato risolto quasi completamente il problema degli allagamenti delle strade, grazie a lavori di incanalamento e regimentazione delle acque meteoriche e fognarie in tutte le zone a valle, da Ischia Ponte alla zona Porto. Non per nulla, mi chiamano il Sindaco dei ciclamini. E che sarà mai se sono ancora tantissime le zone dove, nonostante i lavori ultimati, il fenomeno degli allagamenti non solo non è stato risolto, ma è addirittura peggiorato (vedi riva sinistra del Porto e Via delle Ginestre, angolo Via dell’Amicizia). Consentimi altresì di rivolgere un pensiero particolare agli abitanti di Via Vecchia Campagnano, la cui strada versa in condizioni veramente pietose che mi sono state segnalate un’infinità di volte: non me ne sono fregato nulla finora e, come potete leggere dal mio opuscolo natalizio, non ho nulla in programma per voi neppure nel 2012. Mi siete antipatici, tiè!

Tutto questo è stato possibile nonostante i vincoli pressanti del Patto di stabilità e della drammatica riduzione dei trasferimenti dallo Stato senza che sia aumentata di un solo punto la pressione fiscale sui cittadini di Ischia, in particolare  sui lavoratori e sugli anziani, categorie per le quali abbiamo, come amministratori, il dovere di profondere ogni sforzo. Alla fine, lo so bene che non ci credi e che i trasferimenti dello Stato sono stati superiori ai precedenti. E’ vero, ma cerca di capirmi: come avremmo finanziato feste e festicciole, luminarie da mille e una notte, fior di incarichi a pagamento e tanti altri sprechi, se avessimo risparmiato quei soldi per cose più proficue, o se con le maggiori entrate –o presunte tali- dalla TARSU avessimo provato a farti risparmiare qualcosa l’anno successivo, o se avessimo provato ad amministrare saggiamente i soldi pubblici cercando di accorciare i quasi tre anni di tempo che servono ormai per pagare i nostri fornitori?

Molto è stato fatto,  tanto resta ancora da fare. Dagli impianti di depurazione al completamento della rete fognaria,  dal settore dei trasporti marittimi  alla razionalizzazione dei trasporti  su strada,  dal recupero di fasce di mercato nel settore turistico alla promozione dell’immagine di Ischia in Italia e all’estero. Come lo faremo? Onestamente non lo so, specie per quanto riguarda il turismo, dove più che in altri settori mi rendo conto di aver dimostrato di non capirci un tubo. Sono anni però che lo sto chiedendo a Luigi Boccanfuso, Piero D’Ambra e (prima che si dimettesse) a Lello Pilato, ma onestamente credo che non ci abbiano capito nulla neanche loro. Tiriamo a campare!

E la ricorrenza del Natale vuole essere solo l’occasione di un bilancio in itinere per una strada ancora lunga da percorrere insieme se,  nelle elezioni della prossima primavera,  i cittadini di Ischia vorranno onorarci ancora una volta  della loro fiducia, dalla quale, ne sono certo, sapremo trarre nuovi stimoli e rinnovato impegno per completare il cammino intrapreso nell’interesse di tutti. Adesso, poi, che con Domenico De Siano ho creato questo grande calderone (per il bene del Paese, ovviamente…), avremo candidati consiglieri per tutti i gusti: transfughi di destra e sinistra, passando per aspiranti centristi della prima e dell’ultim’ora. E il mercato elettorale è ancora apertissimo, a differenza di quello comunale che, nonostante tutte le nostre promesse, cade a pezzi insieme ai conti correnti dei mercatali.

Gli auguri che sento di porgerti sono gli stessi che formulo agli amici più cari: di trascorrere un Natale sereno con le persone a cui tieni di più! Lo so che starai pensando: “E’ una parola!”. Ma io “che ce pozz fa?”

Nonostante la difficile congiuntura economica e i timori di una crisi globale, grazie alla tenacia che la nostra gente ha sempre dimostrato di avere nei momenti difficili,  sapremo lasciarci alle spalle i problemi di oggi  per guardare insieme  al futuro in un’isola più accogliente, più unita, più autentica. E che sarà mai se grazie al nostro modo disastroso di amministrare, tra un pò il secondo dissesto non ci lascerà neppure la poltrona per la quale tanto ci siamo battuti e ci continuiamo a battere raccondandoti tutte queste fesserie a cui spero tanto che continuerai a credere, almeno fino alle elezioni di maggio. Tanto… paga pantalone.

Auguri!

Il  tuo Sindaco Giuseppe Ferrandino

Leggi tutto

Warning: file_get_contents(): php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.davideconte.com/home/wp/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(http://urls.api.twitter.com/1/urls/count.json?url=http%3A%2F%2Fwww.davideconte.com%2Fwp%2Fcarlottanta-la-sorpresa-degli-amici-a-pagnotta.html): failed to open stream: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.davideconte.com/home/wp/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(): php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.davideconte.com/home/wp/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(http://urls.api.twitter.com/1/urls/count.json?url=http%3A%2F%2Fwww.davideconte.com%2Fwp%2Fniente-male-il-nuovo-premio-ischia-su-sky.html): failed to open stream: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.davideconte.com/home/wp/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(): php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.davideconte.com/home/wp/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(http://urls.api.twitter.com/1/urls/count.json?url=http%3A%2F%2Fwww.davideconte.com%2Fwp%2Foggi-piove-che-sara-mai.html): failed to open stream: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.davideconte.com/home/wp/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(): php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.davideconte.com/home/wp/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(http://urls.api.twitter.com/1/urls/count.json?url=http%3A%2F%2Fwww.davideconte.com%2Fwp%2Fischia-la-crisi-le-soluzioni.html): failed to open stream: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.davideconte.com/home/wp/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(): php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.davideconte.com/home/wp/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(http://urls.api.twitter.com/1/urls/count.json?url=http%3A%2F%2Fwww.davideconte.com%2Fwp%2Finternet-informazione-opinione-attenti.html): failed to open stream: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.davideconte.com/home/wp/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(): php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.davideconte.com/home/wp/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(http://urls.api.twitter.com/1/urls/count.json?url=http%3A%2F%2Fwww.davideconte.com%2Fwp%2Fa-fuoco-lento-senzalcuna-reazione.html): failed to open stream: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.davideconte.com/home/wp/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(): php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.davideconte.com/home/wp/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179

Warning: file_get_contents(http://urls.api.twitter.com/1/urls/count.json?url=http%3A%2F%2Fwww.davideconte.com%2Fwp%2Fe-adesso-sono-tali-e-quali-a-pd-e-pdl.html): failed to open stream: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.davideconte.com/home/wp/wp-content/plugins/most-shared-posts/msp-fetch.php on line 179